· Contatti
· Info Sito
· Links
· Crea Account
· Download
· Info Shard
· Regolamento Shard
· Staff
· Calendario
· Screens & Videos
· Forum
· La Storia
· Il Mondo
· Il Tempo
· Classi
· Razze
· Bestiario
· Divinità
· Diplomazia
· Edifici
· Gilde
· Oggettistica
· Personaggi
· F.A.Q.
· Guida al Gioco
· Guida al GdR
· Guida ai Nomi
· Problemi Comuni
· Programmi Esterni
· Enciclopedia
· Quests
· Ordini di Lavoro
· Auto-Quests
Home > Guida al GdR > Introduzione 
l Gioco di Ruolo (GdR) è un passatempo di gruppo. E' un gioco in cui i partecipanti fingono di essere i Personaggi (Personaggi Giocanti - PG) di una storia che essi stessi inventano mossa dopo mossa.
Ogni partecipante, prima di iniziare il gioco, crea un personaggio di cui stabilisce certe caratteristiche e in cui si immedesima per tutta la durata del gioco stesso.
Tutto il gioco si svolge sotto la guida di un Master che descrivere le situazioni, coordina i giocatori nella creazione della storia, gestisce tutte le "comparse" della storia: cioè tutti quei personaggi secondari (Personaggi non Giocanti - PNG) che non sono impersonati dai giocatori.
Il Master crea, in definitiva, uno scenario di azione, mentre gli altri giocatori raccontano a turno che cosa farebbero se fossero davvero un gruppo di avventurieri che deve liberare la principessa prigioniera del drago, o uno sceriffo e i suoi aiutanti a caccia dei contrabbandieri di whisky nel selvaggio West, o i ribelli di Guerre Stellari che cercano di mettere in salvo i piani della più potente astronave della galassia.
E' un pò come i giochi dei bambini "facciamo finta che io sono...".
Ma il gioco si svolge attorno a un tavolo, senza bisogno di correre, saltare, inseguirsi. Se un giocatore vuole che il suo personaggio compia un'azione dall'esito incerto, come saltare giù da un treno in corsa o convincere il sospettoso custode di un museo a farlo entrare fuori orario, ricorre in genere al lancio dei dadi. L'azione riesce o fallisce, e dunque la storia procede in un modo o nell'altro, a seconda del risultato dei dadi.
Il gioco di ruolo non è competitivo: i personaggi hanno uno scopo in comune. Non esiste un vincitore: tutto il gruppo "vince" se riesce a vivere un'avventura nel migliore dei modi: liberando la principessa prigioniera del drago in un gioco di ruolo fantasy, smascherando e arrestando il colpevole in un'ambientazione poliziesca, sgominando i contrabbandieri di armi in un'ambientazione western.
Le possibilità sono infinite.

A questo punto ci si chiede in maniera quasi automatica "come si integra il Gioco di Ruolo classico a turnazione con un Multiplaying come Ultima On Line, che deve il successo proprio all'interazione in tempo reale dei giocatori ?"
Rispondiamo dicendo che la cosa è possibile seguendo delle regole semplici. Regole che coinvolgono sia i Personaggi Giocanti, sia il Personale Game Master:
  1. Immaginiamo che Sosaria sia un immenso Palco di un teatro (la tavola di cartone del GdR classico). Noi tutti (dietro lo schermo) siamo i Registi e gli Spettatori allo stesso tempo, i nostri Personaggi Giocanti (dentro lo schermo e le pedine del GdR classico) sono i Protagonisti inconsapevoli. Più siamo bravi come Registi, più i Protagonisti saranno credibili, più ci divertiremo come Spettatori.
  2. Non confondiamo mai il nostro ruolo di Regista con il nostro ruolo di Protagonista. Sono due cose separate ed è importante ricordarlo.
  3. Interagiamo con altri Personaggi Giocanti tenendo fede a quelle che sono le linee guida del nostro Personaggio (ecco che risulta importante una preliminare delineazione psicologica del nostro PG) ma nel pieno rispetto della libertà altrui (ricordiamo infatti che dietro ogni Personaggio Giocante c'è un Regista). Teniamo sempre a mente il detto "comportati con gli altri come vorresti che gli altri si comportassero con te".
  4. Agiamo sempre come agirebbe il personaggio che abbiamo creato! Simpatie o antipatie della vita reale non devono influenzare il gioco. Il miglior amico in real potrebbe essere un acerrimo nemico interpretando il personaggio o viceversa.
  5. Rivolgiamoci ad altri Personaggi Giocanti usando la Seconda Persona Plurale "VOI" a meno che il Personaggio Giocante al quale ci rivolgiamo non sia un nostro amico in game. In tal caso è permesso l'uso della Seconda Persona Singolare "TU".
  6. Quando incontriamo qualcuno per la prima volta non saremo in grado di conoscere il suo nome, perché il nostro personaggio non può leggere il Tag scritto sulla testa! Sarà quindi importante presentarci agli altri personaggi e lasciare che gli altri si presentino! Solo a quel punto potremo chiamarli con il loro nome. Ovviamente se ci comunicano un nome che non è quello che appare in gioco (perché ladri, spie in incognito, ecc...), il nostro personaggio non potrà inventarsi il loro vero nome!
  7. Non parliamo in Game con altri Personaggi Giocanti di Stat, Skill, Settaggi di gioco, eventi esterni (a tal proposito consulta l'Enciclopedia per vedere come parlare di simili parametri in stile GdR). Cosa ne sanno i nostri Personaggi di tutti questi termini? Se è proprio necessario utilizzare un linguaggio tecnico e non GdR, in quanto stiamo spiegando dei meccanismi di gioco a REGISTI alle prime armi preferiamo usare ICQ o altri sistemi di messaggistica esterni al Game. Se ciò non fosse possibile si preferisce allora inserire il dialogo tra due parentesi.
  8. Non insultiamo altri Personaggi Giocanti se non utilizzando insulti o imprecazioni in puro spirito GdR. Non bestemmiamo, non usiamo termini poco consoni all'educazione. Il linguaggio GdR ci dà la possibilità di essere altrettanto taglienti e pungenti. Una cosa è offendere il Personaggio Giocante, un'altra cosa è offendere il Regista.
  9. Non si gioca esclusivamente per uccidere, si gioca per divertirsi interpretando il GdR. Questo non deve fungere da cornice al PvP, uccisioni, assassinii! Fare GdR è il vero scopo del gioco e gli scontri con mostri e altri giocatori sono solo una maniera di fare GdR.
  10. Interpretare una fazione "cattiva" non significa dover essere per forza tutti uguali, spietati e massacratori. Uccidere "a vista" è legittimo, ma è reale anche duellare discutendo, dando alla vittima la possibilità di implorare pietà, di cercare la fuga, di cedere tutti gli averi che reca con sé in cambio della propria libertà, ecc... In tal modo si offre più ampia possibilità di interpretazione a tutti. L'assassino reciterà la sua parte: potrà accettare le richieste, essere spietato o subdolo a seconda dei casi.
  11. Nelle Quest (avventure organizzate) viene premiato soprattutto il GdR, non chi ammazza più nemici. Non tutte le quest si devono basare necessariamente sul combattimento, ci possono essere delle quest basate sulla semplice conversazione con altri personaggi, sulla ricerca di qualche oggetto, ecc... Ogni giocatore può imbastire le sue piccole quest senza l'aiuto dei GM, semplicemente interpretando il proprio personaggio in maniera da coinvolgere anche gli altri.
  12. E' permesso l'uso di altri linguaggi di comunicazioni oltre all'italiano solo nel caso in cui il linguaggio usato sia universalmente riconosciuto da tutti i Personaggi Giocanti o faccia parte della caratterizzazione di una Razza.
  13. E' permesso e addirittura consigliato, per ragioni di caratterizzazione di un Personaggio Giocante, l'uso del balbettio o la storpiatura del linguaggio, purchè questo risulti capibile ed accettabile da altri Personaggi Giocanti.
  14. Comandi che possono risultare utili all'interpretazione: per sussurrare qualcosa al proprio vicino si può utilizzare il comando ; + spazio + "frase" (; "frase"), in tal modo dovranno e potranno sentire quello che dite solo le persone accanto a voi. Per gridare in maniera che vi sentano oltre la vostra schermata, in un raggio molto più ampio, usate il comando ! + spazio + "frase" (! "frase"), ma ricordate che è giusto usarlo solo in casi di emergenza assoluta (attacchi nemici, assassinio in città, ecc...). Ricordate inoltre che qualsiasi messaggio scritto in MAIUSCOLO viene inteso come gridato. Importanti sono le emotes: le frasi scritte fra *asterischi* (: "frase") identificano le azioni dei personaggi, ma possono essere usate anche per descrivere espressioni facciali (stupito, ecc...), stati d'animo visibili (arrabbiato, felice, sorride, piange, ecc...), o particolarità (sguardo fiero, sguardo arrabbiato, camminata incerta e lenta, passi decisi, ecc...), o ancora per suggerire agli altri quello che i loro personaggi vedono (ha una cicatrice sul volto, ha una ferita, è un vecchietto, è molto giovane, ha gli occhi chiusi ecc...), sebbene in questo caso sia consigliato l'utilizzo dell'apposito Character Profile.
  15. Atteniamoci strettamente alle regole tecniche e GdR del Server.
  16. E soprattutto.....ricordiamo che siamo in questo luogo per divertirci!!!
 
 



Atlantide III :: Lacrime degli Dei è uno shard italiano gratuito di Ultima Online
Attivo dal 5 Febbraio 2006
Hosted by IGZ
Powered by SphereServer
Creative Commons License