· Contatti
· Info Sito
· Links
· Crea Account
· Download
· Info Shard
· Regolamento Shard
· Staff
· Calendario
· Screens & Videos
· Forum
· La Storia
· Il Mondo
· Il Tempo
· Classi
· Razze
· Bestiario
· Divinità
· Diplomazia
· Edifici
· Gilde
· Oggettistica
· Personaggi
· F.A.Q.
· Guida al Gioco
· Guida al GdR
· Guida ai Nomi
· Problemi Comuni
· Programmi Esterni
· Enciclopedia
· Quests
· Ordini di Lavoro
· Auto-Quests
Home > La Storia > 7 Radici 
e 7 Radici
Come particelle di luce trasportate da onde di energia, l'universo si manifestò in materia. Sabbia nella clessidra del tempo. Uno di questi granelli è il nostro. Uno di questi granelli è Sosaria. E in questo granello l'albero della vita si manifesta nell'evoluzione degli esseri viventi dei 5 principi. 7 radici lo alimentano, ed egli evolve protendendosi al divino, l'ottava essenza, l'infinito assoluto delle infinite dimensioni.

a Radice mana

E il divino si proiettò sull'illusione, come un unico sole che irradia la sua luce in raggi molteplici, ognuno dei quali assume forma diversa a seconda dell'inclinazione e della superficie che colpisce. E il divino si limitò per apprendere ed evolvere e dimenticò la sua divinità, non più comprensibile né pienamente sensibile nell'illusione di spazio e tempo. La divinità si fece molti, e i molti si moltiplicarono. E fu l'Uomo.

a Radice lfica

E il cuore della natura fece sentire il suo battito sotto la terra sacra. E l'incessante battito si fece energia fluente e gli uomini che ne ascoltarono la ritmica cadenza divennero una cosa sola con la natura, i loro corpi si fecero esili come rami protesi al sole, i loro tratti si fecero gentili come petali e piante, i loro movimenti rapidi come il guizzo dei ruscelli, impercettibili come il mutare della luce tra le fronde degli alberi più rigogliosi. E la loro vita si unì all'energia della terra, facendosi secolare come la vita degli alberi più antichi e saggi. E fu l'Elfo.

a Radice elida

E il freddo giunse al cuore degli uomini solitari, che rinnegarono la fragilità delle passioni per esaltare conoscenza e perfezione, lasciando il rimorso nel passato, facendosi unica cosa con i ghiacci eterni, distaccati dal resto dei loro simili. Svanì il calore dal loro cuore che si fece duro e forte come i ghiacciai eterni, svanì l'umanità dal loro sangue ed essi lo versarono per l'ultima volta nelle acque più gelide del mondo, liberandosene per sempre. E fu il Gelido.

a Radice ampirica

E l'amore si fece passione e la passione si fece morte. E il dolore si fece amante del sangue, entrambi simboli di vita. E l'uomo rinnegò il divino abbracciando la menzogna dell'illusione verso se stesso, rendendosi diversamente divino dal divino rinnegato eppur a tal divino legato. E il sangue fu vincolo di vita oltre a simbolo. E il sangue fu desiderio. E il sangue placò la sete del dolore ricordo di verità, e il sangue fu la vita nella morte. E la verità dimenticata fu la luce dimenticata e il sole rivelatore fu negato affinché la menzogna potesse vivere come morte nella vita. E fu il Vampiro.

a Radice ezzOrchesca

E l'orrendo scempio generò la vita. E le carni del fiore della vita umana furono lacerate dalle carni dell'istinto bestiale. E nel dolore prese forma la vita contaminata. E la nascita della vita contaminata fu causa di morte. E materno fu l'odio del paterno generatore per la materna morte. Odio umano nella vittima verso il paterno generatore, odio umano verso la vittima nel mancato generatore umano. Rinnegata fu la vittima dal sangue materno, rinnegato fu il sangue paterno dalla vittima. Divina menzogna di dolore che contaminò la vita, limitata visione del divino dalla contaminazione bestiale. Forza dell'odio, limite della bestia. Solitudine per il frutto dello scempio. E fu il Mezzorco.

a Radice scura

E verso l'infinitamente oscuro si spinse l'uomo in cerca di conoscenza senza verità. E il desiderio si fece così intenso da diventare dolore e il dolore si fece così intenso da diventare oscurità e l'oscurità si fece così intensa da allontanare l'ultima luce visibile dal desiderio. E il corpo, la mente e lo spirito si riempirono di tale oscurità e desiderio privato di luce che la conoscenza di tenebra ne espanse l'essenza aumentando il potere, rendendolo schiavo del vincolo di illusione. Potere per l'infinito annullamento. Desiderio per l'oscurità di allontanare la luce, annullandone i portatori consapevoli o inconsapevoli, volenti o nolenti, coscienti o incoscienti. Schiavi della conoscenza senza verità, potenti di oscurità infinita. E fu l'Oscuro.

a Radice letta

E l'uomo crebbe grazie all'Illusione e la sua crescita lo riportò verso il divino. E l'uomo mutò la sua stessa illusione e la sua evoluzione lo riportò verso il divino. E il divino fece propria l'evoluzione della proiezione e la proiezione mutò avvicinandosi al divino, trasformando il suo limite con la conoscenza, rendendo più veri e vicini all'assoluto il suo spirito, la sua mente, il suo corpo, evolvendo verso desideri meno limitati ed una conoscenza più assoluta. E il bene e il male furono dimenticati per avvicinarsi alla verità. E la proiezione che si incamminò sull'infinita via della verità seguendo il cammino divino fu scelto dal divino per evolversi come divina proiezione più vicina all'archetipo originale. E luce e oscurità si unirono in un variabile equilibrio proprio di ogni proiezione divinamente eletta per divina scelta. E fu l'Eletto.


[Indietro]   [Su]
 
 



Atlantide III :: Lacrime degli Dei è uno shard italiano gratuito di Ultima Online
Attivo dal 5 Febbraio 2006
Hosted by IGZ
Powered by SphereServer
Creative Commons License