· Contatti
· Info Sito
· Links
· Crea Account
· Download
· Info Shard
· Regolamento Shard
· Staff
· Calendario
· Screens & Videos
· Forum
· La Storia
· Il Mondo
· Il Tempo
· Classi
· Razze
· Bestiario
· Divinità
· Diplomazia
· Edifici
· Gilde
· Oggettistica
· Personaggi
· F.A.Q.
· Guida al Gioco
· Guida al GdR
· Guida ai Nomi
· Problemi Comuni
· Programmi Esterni
· Enciclopedia
· Quests
· Ordini di Lavoro
· Auto-Quests
Home > La Storia > Fine del Mondo 
a fine del Mondo

al diario di Damien Cael

E' infine giunto il momento. Ho visitato il Vuoto Etereo. Ho finalmente ricordato la mia origine. Ho finalmente ricordato la verità. So cosa sta per accadere, so cosa posso fare. Questa terra, la Sosaria delle mie avventure, i suoi abitanti, tutto sta per essere distrutto. Ma è solo illusione. Tutto è illusione. E' solo parte del processo di evoluzione. Nessuna guerra divina, nessuna follia degli dei, è solo il ciclo di morte e rinascita naturale. Così come tutto il susseguirsi di eventi, l'evoluzione della rivelazione dei segreti. Tutto è come un sogno. Nei sogni ogni cosa è proiezione di noi, creata da noi. I misteri e le situazioni, così come le immagini e la logica personale e contorta, derivano dalla nostra interiorità. Ma poi esiste davvero una logica corretta? A volte nei sogni assistiamo a scene e mutazioni, movimenti, la cui consequenzialità è priva di ogni senso logico appartenente al mondo della veglia, eppure la nostra mente non reputa strano ciò che da svegli sarebbe giudicato assurdo, bensì si concentra sul carpire vivamente il senso e il segreto, una continua lotta fra inconscio e conscio. E la simbologia personale, quale meraviglia della creazione della nostra più profonda intelligenza. Sfrutta immagini e sensazioni, pensieri e ricordi sensoriali per creare la perfetta unione, la mescolanza di elementi nel nucleo di un attimo, per comunicarci esattamente tutto ciò che la nostra attenzione superficiale non comprende a pieno, messaggi che sorpassano i filtri della coscienza residua dei nostri sensi per arrivare al centro di elaborazione più puro delle idee. Quante volte in un sogno un viso a noi caro è prestato per fungere da simbolo per qualcun altro, o qualcos'altro? E com'è chiaro il messaggio per la nostra interiorità. E' stato tutto come un sogno. Come divinità consce solo nel divino della loro forzata limitazione della dimenticanza, la scelta di proiettarsi sull'illusione, perdendo comprensione della verità della dimensione e nella dimensione di origine, così siamo noi tutti. Siamo come divinità che comprendono la sfera che una volta proiettate sul piano dell'illusione, della sfera comprendono solo il cerchio. Quale meraviglioso meccanismo di apprendimento. Così come il guerriero benda i suoi occhi per imparare a combattere anche senza di essi, così come il mago annulla i suoi sensi per entrare in contatto con l'eteree energie, così ognuno di noi dimentica il suo archetipo proiettante per evolvere, affinché al ritorno dall'illusione ognuno ha un anima più evoluta, arricchita di conoscenza. Così mi fu insegnato nel cammino dell'Eletto. Così imparai a staccarmi dalle limitazioni di Bene e Male, per poi tornarvi, combattervi, ed infine comprendere nel più profondo, per risvegliarmi e rilucere di tale comprensione. Il mio cammino mi ha riportato nel Vuoto Etereo. La mia più grande paura è ciò che mi permette di avvicinarmi più di ogni altra cosa alla soluzione. Più mi avvicinavo alla non esistenza è più l'infinito si condensava nella sua atomicità, rendendosi completamente comprensibile in ogni mutevole sfumatura durante la mutazione, inclinando e modificando il mio stesso livello di comprensione. L'annullamento corrisponde alla coesione col tutto. Tutto è nulla. Nulla è tutto. E' tempo di risvegli e di rinascita. Tutto ciò che gli abitanti di questa Sosaria vedono, sentono, toccano, odorano e gustano, tutto ciò che è alla portata dei loro sensi, ogni cosa, così come loro stessi, intesi come proiezioni del loro vero io, tutto sta per svanire, tutto sarà cancellato. Come un sogno premeditato e modificato nella sua evoluzione, nello scorrere del suo svolgimento, quello che appare come un piano divino di distruzione, sta per avvenire. Non è importante che la popolazione conosca la verità, poiché essa è già di tutti e necessita solo di essere conosciuta. Non sta a me rendermi portavoce di qualcosa che non necessita di essere detto. Tutto si consumerà in un attimo. Le anime e il tutto spirituale di ogni essere, di ogni proiezione, torneranno all'origine, per poi proiettarsi nuovamente in un nuovo mondo creato per il prossimo ciclo di evoluzione. Un mondo creato in un attimo fuori dal tempo, un mondo che comincia ad esistere nel momento in cui questo finisce, un mondo che nel momento in cui diventa reale ha già il suo passato, il suo presente e il suo futuro, un destino da scrivere attimo per attimo. E le anime di tutti coloro che ho conosciuto si risveglieranno in questa nuova illusione, pronta ad accoglierli. Si reincarneranno nelle nuove forme create per la loro evoluzione dal loro archetipo. Un nuovo ciclo di vite. Un nuovo ciclo anche per me. In un mondo che già fu distrutto, io ebbi l'onore di seguire l'infinito cammino dell'Eletto per poi rivedere l'illusione dal suo interno in quello che fu il mondo della seconda era. Adesso io mi appresto alla venuta della terza era insieme a tutti. E la nuova era vede il divino proiettato nell'idea del Tao, nel dualismo delle energie. Quale meraviglia nascerà da questa nuova storia, quali fantasie di incredibile emozione attendono di dipingere il nuovo mondo, quanti attimi come granelli di sabbia trasportati dal vento, ognuno con la sua luce e la sua oscurità, investiranno i viventi, le proiezioni delle anime, portando sussurri del passato e del futuro, fosse anche solo per comprendere il presente. Nuovamente luce e oscurità. Quanto forte e magnificente la luce e quanto profonda e insondabile l'oscurità. Glorie e desolazione, emozioni e illusioni. La nuova era sta per cominciare. E' passato così tanto tempo eppure adesso non ho quasi il tempo di spiegare. L'attimo sta per giungere. Quanti sceglieranno di incarnarsi nuovamente? Quanti sceglieranno questo percorso? E quale sarà la loro vita. E' giunto il tempo della rinascita.

“Ed io vidi ogni cosa intorno a me ritornare nel vuoto etereo, dove tutto e nulla sono uniti senza distinzione, dove spazio e tempo sono solo illusioni inesistenti, dove le infinite dimensioni sono ovunque e in nessun luogo, in ogni attimo e mai, dove ogni cosa è compresa attraverso la dimensione da cui la si percepisce eppur fuori dalle dimensioni raggiunge l'incomprensibile ed impercettibile essenza pura. La luce in ogni cosa implose verso l'infinitamente piccolo, l'oscurità si estese ovunque, verso l'infinitamente grande, per incontrarsi alla fine dell'infinito. Non sentii nulla, non sentii nemmeno svanire il mio corpo. Gli elementi divorarono tutto ed infine scomparirono. Ed io con loro”.



[Indietro]   [Su]
 
 



Atlantide III :: Lacrime degli Dei è uno shard italiano gratuito di Ultima Online
Attivo dal 5 Febbraio 2006
Hosted by IGZ
Powered by SphereServer
Creative Commons License